Customize

Bollettino Verde n. 59 del 19 agosto 2009: The Green Brief #59 (August 19) in Italian

Discussion in 'Green Brief' started by Esk@nd@r, Aug 20, 2009.

  1. Bollettino Verde nr. 59 del 19 agosto 2009

    (Traduzione italiana di The Green Brief #59 by NiteOwl ALIAS Josh Shahryar ALIAS twitter.com/iran_translator su Twitter.
    La versione originale può essere letta cliccando sul seguente http://iran.whyweprotest.net/green-brief/34947-green-brief-59-august-19-mordad-28-a.html )

    Mi chiamo NiteOwl ALIAS Josh Shahryar ALIAS twitter.com/iran_translator su Twitter. Sono un giornalista e attivista per i diritti umani NON iraniano. Questo è un elenco di notizie provenienti dall'Iran che ho raccolto attraverso Twitter e i siti iraniani segnalati su Twitter. Ricordate, questo è tutto da tweets. (Il mio lavoro è rilasciato sotto licenza Creative Commons (CC).)

    Questi sono gli eventi più importanti di mercoledì 19 agosto 2009 che posso confermare.




    Manifestazioni ed altre proteste


    1. Giovedì (oggi) è prevista la trasmissione in diretta sulla TV di stato IRIB di un discorso di Ahmadinejad. I contestatori hanno deciso di scandire slogan dai tetti delle abitazioni durante il discorso per manifestare il loro malcontento. Il discorso era programmato per mercoledì, ma è stato rinviato a causa di diffuse notizie circa il tentativo di molte persone di provocare un black-out aumentando i consumi di energia elettrica. Il discorso sarà trasmesso alle 21:00 ora di Teheran.

    2. C’è stato uno sciopero generale nella città di Sanandaj, nella provincia del Kordestan. I negozi sono rimasti chiusi nella maggior parte della città per commemorare un attacco alla provincia del Kordestan avvenuto 30 anni fa. Basiji e polizia avevano minacciato i commercianti della città per non farli aderire allo sciopero. Notizie indicano che polizia e Basij si sarebbero anche scontrati con alcuni commercianti che hanno rifiutato di aprire i loro negozi e molti commercianti sono stati feriti. Questa notizia non è al momento confermata.

    3. Una preghiera “komeil” (o del giovedì) si terrà giovedì al Centro Culturale Dar-u-Zahra di Teheran, per la liberazione dei detenuti e per commemorare i manifestanti uccisi finora. Tali preghiere si terranno ogni giovedì.


    L’opposizione

    4. Karroubi ha annunciato che è pronto a presentare le prove delle violenze sessuali sui detenuti da parte delle guardie carcerarie. Egli ha oggi inviato una lettera ad Ali Larijani per fissare un incontro con alcuni esponenti delle istituzioni. Secondo Karroubi, la riunione chiarirà se è lui in errore o se sono gli imam delle preghiere del venerdì che hanno sbagliato a criticarlo alzando la voce. Karroubi ha chiesto alle seguenti persone di essere presenti alla riunione:

    - il Presidente Ahmadinejad

    - il capo della magistratura Sadegh Larijani

    - Ali Larijani, il capo del Parlamento

    - Hashemi Rafsanjani, capo del Consiglio del Discernimento e dell’Assemblea degli Esperti

    - Procuratore generale Ghorbanali Dorri-Najafabadi

    - Membri della commissione parlamentare istituita per valutare le condizioni dei detenuti

    5. Karroubi ha anche affermato che Hossein Ta'eb - il capo del Basij - è stato uno dei principali ispiratori della falsa intervista televisiva con la famiglia di una donna che sosteneva di essere la vera Taraneh Mousavi.
    In risposta alla sua dichiarazione, l’Hojatoleslam Seyed Hossein Shahmoradi - che è un parente della donna succitata - ha rilasciato una dichiarazione di critica a Karroubi per aver divulgato l’informazione. Secondo Shahmoradi, egli aveva raccontato a Karroubi dell’evento e della sua falsità, però chiedendogli riservatezza.

    6. Notizie da Qom indicano che il Grande Ayatollah Seyed Mousa Shabiri Zanjani - un religioso che è stato insegnante di Khamenei e dei suoi figli - ha avuto un incontro con il Grande Ayatollah Lutfullah Safi Golpaygani in cui ha mostrato grande preoccupazione per l'uccisione di manifestanti. Secondo tali notizie, egli era talmente alterato durante la riunione che ha iniziato a piangere.

    Shabiri Zanjani ha incontrato anche il Grande Ayatollah Montazeri nella sua residenza estiva di Khaveh, vicino Qom. Egli ebbe un ruolo chiave nella liberazione di Montazeri dagli arresti domiciliari.

    7. La Società per la difesa dei diritti umani – un’organizzazione iraniana per diritti umani - ha chiesto al governo di rilasciare immediatamente i propri membri arrestati nel corso delle violenze post-elettorali. La Società ha rilasciato una dichiarazione dicendo che il loro unico lavoro è stato quello di difendere i diritti umani e non di impegnarsi in attività politiche. Alcuni membri di questa organizzazione, tra i quali Mohammad Ali Dadkha, Abdol Soltani Fatah e alcuni altri, sono ancora detenuti; altri tre sono stati invece liberati.


    Governo e situazione internazionale

    8. Oggi Ahmadinejad ha reso noti i nomi dei 21 membri del suo gabinetto. Il parlamento comincerà a esaminare le candidature per i vari ministeri entro quattro giorni e voterà la fiducia ad ogni membro il 30 del mese. PressTV ha citato il Vicepresidente del Parlamento, Mohammad-Reza Bahonar, dicendo che è probabile che molti dei ministri saranno bocciati dall’assemblea. Bahonar ha dichiarato che fino a cinque candidati potrebbero non ottenere la fiducia.

    Ecco un elenco dei nomi e degli incarichi nel gabinetto (ed alcune note su di loro più sotto):

    Agricoltura: Sadeq Khalilian

    Commercio: Mehdi Ghazanfari

    Comunicazioni e IT: Reza Taqipour

    Cooperative: Mohammad Abbasi (confermato nell’incarico precedente)

    Cultura e orientamento islamico: Seyyed Mohammad Hosseini

    Difesa: Brigadiere Ahmad Vahidi

    Economia e finanza: Seyyed Shamseddin Hosseini

    Istruzione: Sousan Keshavarz (è una delle 3 ministre)

    Energia: Mohammad Aliabadi

    Esteri: Manouchehr Mottaki (confermato nell’incarico precedente)

    Salute: Marzieh Vahid Dastjerdi (è una delle 3 ministre)

    Casa e Sviluppo Urbano: Abdolreza Sheikholeslami

    Industrie e Miniere: Ali Akbar Mehrabian (* vedi nota (a) di seguito)

    Intelligence: Heyder Moslehi

    Interni: Mostafa Mohammad Najjar

    Giustizia: Morteza Bakhtiari

    Lavoro e affari sociali: Ali Nikzad

    Petrolio: Masoud Mir Kazemi

    Strade e Trasporti: Hamid Behbahani (confermato nell’incarico precedente)

    Scienza, Ricerca e Tecnologia: Kamran Daneshjoo

    Welfare e sicurezza sociale: Fatemeh Ajorlou Dastjerdi (è una delle 3 ministre) (* vedi nota (b) qui di seguito)


    (a) E' opportuno notare che, Ali Akbar Mehrabian, il ministro per le industrie e le miniere, anche se mantiene il suo posto, è stato condannato in tribunale, un paio di settimane fa, per il furto di un’invenzione ai danni del suo ideatore.

    (b) Ci potrà essere qualche problema anche per il ministro del Welfare Fatemeh Ajorlou che ha pendenze giudiziarie.

    9. Molti deputati conservatori hanno criticato Ahmadinejad per la scelta dei ministri. Molti hanno mostrato malcontento per la scelta di tre donne come ministri. Un deputato di Oromieh MP ha detto che è possibile che queste donne avranno delle difficoltà nel prossimo gabinetto [a causa del loro genere].

    10. Asgar Aowladi, ha oggi smentito che si sia tenuto un incontro tra lui, Rafsanjani, Haddad Adel e altri. Questa notizia era stata ampiamente diffusa ieri da alcuni siti web governativi. (Il testo integrale della notizia può essere letto nel Bollettino Verde nr. 58)

    11. Si prevede che l’ex Ministro dell’Intelligence Mohseni Ejaie - che è stato diffusamente accusato di essere uno delle principali forze dietro alla brutale repressione di manifestanti pacifici – sarà nominato da Sadegh Larejani come prossimo Procuratore Generale. Ejaie era stato rimosso da Ahmadinejad alcuni giorni prima del suo insediamento.


    CONTINUA -->
  2. <-- SEGUE DAL POST PRECEDENTE


    12. Il Consiglio Direttivo dell’Assemblea degli Esperti ha tenuto oggi una riunione nella quale ha deciso di rinviare la riunione plenaria dell’Assemblea a dopo il Ramadan che inizierà fra una settimana. Altri dettagli non sono stati resi noti.

    13. Il governatore della provincia di Teheran, Moteza Tamaddon, ha criticato oggi Karroubi affermando che se non potesse provare la sua accuse, allora contro di lui dovrebbero essere condotte delle azioni legali. Egli ha aggiunto che martedì, durante la sua visita al carcere di Evin insieme ad altri parlamentari, i detenuti hanno negato di essere stati violentati.

    14. Il Ministro degli Esteri Manouchehr Mottaki ha dichiarato che l'Iran continuerà il suo nuovo corso in politica estera e che gli stati europei dovrebbero “adattarsi alle nuove realtà".

    15. Il presidente siriano Bashar Al-Assad è a Teheran per un viaggio di due giorni, durante i quali terrà riunioni con i vari esponenti delle istituzioni iraniane.

    16. Il presidente venezuelano Hugo Chavez Frias si recherà in visita in Iran nel mese di settembre.


    Arresti, rilasci, uccisioni e torture

    17. Sono emerse notizie parzialmente confermate circa il rilascio di una detenuta che è stata drogata e violentata. Secondo tali notizie, alla detenuta erano state somministrate forti dosi di Rohypnol - un sedativo, anticonvulsivo, ansiolitico, anestetico, ipnotico e rilassante muscolo scheletrico – prima di essere brutalmente violentata. Secondo un medico che ha curato la vittima mentre era ricoverata in ospedale, a causa dell’abuso la vittima ha contratto un’infezione da Chlamydia - una comune malattia trasmessa sessualmente.

    18. Sono emerse notizie parzialmente confermate secondo le quali il parlamento avrebbe ricevuto una lettera riservata di Karroubi 20 giorni prima della sua lettera pubblica a Rafsanjani. Secondo Iqbal Mohammadi - un deputato di Marivan - Karroubi ha inviato la lettera a Rafsanjani solo dopo non aver ricevuto risposta dal parlamento.

    19. Un deputato anonimo ha dichiaro a molti siti web dell’opposizione che le notizie dell’incontro tra Mostafa Tajzadeh e la commissione parlamentare d’indagine che si è recata in missione ad Evin erano menzognere. Secondo il deputato, ciò che i membri del comitato hanno citato come parole pronunciate da Tajzadeh, sono in realtà relative ad un testo scritto e dato loro da Saeed Jalili - il Segretario Generale del Consiglio di Sicurezza Sazionale.

    Notizie indicano che Tajzadeh non sia detenuto in Evin, mentre i membri della commissione hanno dichiarato alla stampa che lo hanno incontrato nel carcere di Evin.

    20. Mehdieh Mohammadi, la moglie del giornalista e commentatore politico Ahmad Zeidabadi, ha dichiarato che suo marito, detenuto in carcere, è in condizioni estremamente critiche. Secondo Mohammadi, Zeidabadi è stato tenuti in una camera buia di un metro per 1,5 per i primi 17 giorni di detenzione, trascorsi i quali egli ha iniziato uno sciopero della fame. Durante questo periodo, nessun suono ha raggiunto la sua cella e nessuno è andato a parlare con lui. Egli ha descritto la cella a sua moglie come una 'tomba'.

    Dopo 17 giorni, la sua salute si è deteriorata ed è stato trovato in stato di incoscienza nella sua cella. Egli è stato quindi portato da un medico che gli ha detto di mangiare. Egli è stato poi riportato nella stessa cella in cui ha iniziato a mostrare segni di disagio psichico, come ha raccontato a sua moglie nel corso di un incontro 52 giorni dopo il suo arresto, e avrebbe voluto suicidarsi ma non aveva nessun oggetto per farlo. Egli ha trascorso due ulteriori settimane in quella cella. Dopo ripetute grida, è stato trasferito in una cella diversa. Egli ha detto a sua moglie durante l’incontro, che era stato costretto a dire ai giudici nel successivo processo, che egli non avrebbe mai preso parte ad alcuna attività politica.

    21. Isa Saharkhiz - un giornalista - è sottoposto a gravi pressioni psicologiche e sostiene che egli denuncerà il governo una volta scarcerato. Le sue costole sono state rotte dalle percosse delle forze di sicurezza e non ha ancora ricevuto un’adeguata assistenza medica. Durante gli interrogatori egli ha detto non avrebbe parlato se non in presenza del suo avvocato e della commissione parlamentare per la valutazione della condizione dei detenuti.

    22. Anche Kevan Samimi è stato messo in isolamento e picchiato ripetutamente dalle guardie carcerarie. Samimi è un giornalista e attivista politico che lotta per i diritti dei prigionieri politici.

    23. Hesamat Salamat, studente presso l’Azad University, è stato rilasciato dopo un mese e mezzo di detenzione in carcere.
    Sono stati rilasciati anche il giornalista Zhila Bani-Yaghoub e Sadegh Nowroozi, un membro del partito riformista Organizzazione dei Mojahedin della Rivoluzione Islamica.
    Notizie indicano che Mehsa Amrabadi e Somayeh Towhidlo potrebbero essere liberati presto.

    24. Si credeva che Mohammad Reza Jalayeepour sarebbe stato liberato oggi, ma ciò non è avvenuto. Potrebbe essere rilasciato il 20 agosto.

    25. E stato riferito che il fotografo Stayar Emami, del giornale Jam e Jam, è stato liberato domenica dopo un mese di detenzione. Dopo questo rilascio, il numero di giornalisti ancora in carcere ammonta a 35.

    26. Sette esecuzioni capitali sono state sospese dal nuovo capo magistratura dopo aver assunto l'incarico. Queste includono quella di un giovane che ha ora 21 anni, ma che è stato accusato di omicidio quando ne aveva 16.

    27. Nessuna notizia è emersa circa la sparizione di Sohrab Leqaie, una persona di religione Baha'i di Ghayem Shahr. Egli è stato arrestato un mese fa da agenti del Ministero dell’Intelligence.


    Media

    28. Anche Hossein Entezami - rappresentante dei capi-redattori nella commissione si supervisione dei mezzi di informazione - ha criticato il divieto di pubblicazione del giornale Etemaade Melli. Egli ha aggiunto che il paese non ha bisogno di tali azioni.

    29. Sono emerse notizie secondo le quali Karroubi, se non venisse revocato il divieto di pubblicazione di Etemaade Melli, potrebbe rilanciare il suo progetto di gestione di un canale televisivo. Quattro anni fa, egli fu costretto ad accantonare il progettato canale satellitare "Saba" in seguito a un intervento diretto di Ali Larijani, allora presidente del Consiglio di sicurezza nazionale, che considerò il piano "un atto contro la sicurezza nazionale". Karroubi poi fondò il giornale Etemade Melli per comunicare con le masse.

    30. Keyhan Daily - il giornale portavoce di Khamenei – ha intimato a tutti i partiti riformisti di non sostenere Karroubi. Ha inoltre criticato le riunioni dei riformisti con Montazeri e gli altri religiosi a Qom.


    Varie

    31. Swissinfo riferisce: "Lo studioso islamico Tariq Ramadan è stato licenziato da un’università olandese per le sue relazioni con un canale televisivo finanziato dall’Iran. In una dichiarazione, il Comune di Rotterdam e l'Università Erasmus di Rotterdam hanno affermato che il fatto che teologo, nato in Svizzera, tenesse un programma su Iran Press TV è "inconciliabile" con la sua posizione di “professore ospite ".


    Azioni internazionali di protesta, eventi, iniziative, segnalazioni

    32. Giovedì 20 Agosto alle 16:30 alcuni attivisti e studenti americani si riuniranno al di fuori del Nokia Store a 5 East 57th Street a Manhattan per protestare contro la complicità di Nokia nella repressione contro i manifestanti iraniani. Per maggiori informazioni: Project Nur Protests Nokia's Role in Iran

    33. PER LA PROPRIA SICUREZZA, SI PREGA DI LEGGERE IL SEGUENTE DOCUMENTO (in inglese): Safeguard Your Personal Info and Your Finances! - Why We Protest - IRAN

    34. Per un elenco non ufficiale delle prossime azioni di protesta negli Stati Uniti: Protesting for Iran until they don't have to

    35. Per un elenco delle proteste previste in Germania, invitiamo a visitare questo link (in inglese e tedesco): Julia's Blog: Protests and rallies in Germany (subject to change w/o notice) (per gentile concessione di @jkshalamani)

    36. Un link ad un sito web con indicazioni per un ‘primo aiuto’ ai manifestanti del Movimento Verde che hanno subito traumi psicologici: Healing the Green Soul


    (Se tu, i tuoi amici o la vostra organizzazione state organizzando manifestazioni di protesta o altre azioni internazionali per le elezioni iraniane, vi prego di inviarmi una e-mail con i dettagli e ne darò diffusione. (Il servizio costerà solo 10 milioni di dollari!) La mia e-mail è: dbosca@gmail .





    Alcuni consigli su come dare o ricevere aiuto!


    * Potete ‘ritweettare’ e diffondere questo link per aiutare gli altri a conoscere cosa sta accadendo in Iran

    Nota per l’Italia: sarebbe molto utile diffonderlo il più possibile presso riviste on line, redazioni di giornali, tv, radio ed altri media, bloggers, esponenti politici, ecc…

    Altra cosa molto utile per l’uscita tempestiva dell’edizione italiana sarebbe un maggior numero di traduttori inglese-italiano per dividersi il lavoro e coprire eventuali assenze. Chi è interessato a collaborare può segnalarlo rispondendo a questo post.


    CONTINUA -->
  3. Bollettino Verde n. 59 del 19 agosto 2009: The Green Brief #59 (August 19) in Ital

    <-- SEGUE DAL POST PRECEDENTE



    * Informazioni sulla ripubblicazione del Bollettino Verde: For Bloggers, News Sites and Forum who want to republish the Green Brief Plesae Read! - Why We Protest - IRAN


    * Questa pagina contiene una lista dei mirror esterni dei Green Brief e varie informazioni sui Green Brief. L’inserimento di link alle traduzioni è incoraggiato: Category:Green Brief - Anonymous Intelligence Collective


    * Un elenco di tutti i Green Brief: The Green Briefs


    * In Iran il regime continua ad aumentare la censura ed il rallentamento di internet nel tentativo di ridurre al silenzio le persone. Le notizie mostrano che molti in Iran sono in cerca di informazioni su proxy e Tor, a Teheran e nel resto del paese.
    Si può dare un aiuto con il proprio collegamento internet, donando parte della propria larghezza di banda, e contribuire a rompere la cortina in Iran. Qui ci sono i link su come aiutare e ricevere aiuto su questo tema:

    Italiano:
    Tor: panoramica

    English / Farsi:
    Tor Browser Bundle


    ** Grazie di cuore ai cari Sahar e S per avermi aiutato nella correzione di bozza e per i suggerimenti davvero preziosi. Inoltre, un grande ringraziamento a tutti i traduttori che dedicano il loro prezioso tempo per consentire la lettura di questo documento al più alto numero di persone possibile.

Share This Page

Customize Theme Colors

Close

Choose a color via Color picker or click the predefined style names!

Primary Color :

Secondary Color :
Predefined Skins